Brasile: sul Delta do Parnaíba tra caranguejos e jacarès

Brasile: sul Delta do Parnaíba tra caranguejos e jacarès

Dopo l’anticipazione dell’esperienza con gli ibis scarlatti torno al Delta del fiume Parnaiba, dove Parnaíba città è la sua porta d’ingresso. Sembra legata al passato: vie larghe, piazze alberate, case coloniali, una nostalgia di inizio secolo quando il porto era il più importante di tutta la zona. Il tempo di arrivare al Porto das Barcas e trovare la nostra barca sulle sponde del fiume. Oggi ci sono le voadeiras, barche a motore, ma sul delta piccoli gozzi e piroghe sono le imbarcazioni più utilizzate. Boa sorte, che la traversata abbia inizio. Oceano e fiume si mischiano, foresta e deserto, palmizi e mangrovie, il bello del Delta del Parnaiba è che non lo immagini prima questo Brasile insolito e meno conosciuto incastonato nel Nord-Est, ai confini dell’Amazzonia. Il barcaiolo che ci accompagna ha dei tratti somatici che parlano charo: lineamenti fieri, corporatura volitiva, occhi verde chiaro e uno sguardo che taglia, la sua faccia mi catapulta tra gli indios, tra i fiumi amazzonici. Non lo so spiegare, si sente un’eredità indigena, forse è quella libertà che concede il percorrere immensi spazi senza doversi sottomettere a nessun padrone se non il fiume.   video credit @Delta do Parnaiba Il delta del Parnaiba è uno dei pochi delta a mare aperto del mondo, un arcipelago verde. E’ composto da 80 isole con una superficie totale di 2700 km2. La mappa del delta ricorda la forma di una mano con 5 isole: Tutóia, Melancieira di Carrapato, Caju, Canariuas e Barra do Rio Igaracu. Di fronte a me un’enorme distesa d’acqua dolce si riversa in quella salata dell’oceano, la percorriamo in velocità zigzagando per evitare le...
Brasile: vedere gli ibis scarlatti sul Delta do Parnaíba al tramonto

Brasile: vedere gli ibis scarlatti sul Delta do Parnaíba al tramonto

C’è un’esperienza nel Nord-Est del Brasile che non si può perdere e potete viverla sul Delta del Parnaiba. Nel prossimo post parlerò di come/quando/cosa visitare nel Delta, ma prima mi fermo un attimo e dedico un post all’esperienza secondo me più commovente.  Avete presente quando una sola esperienza, una sola immagine, un solo ricordo si associa immediatamente a un luogo? Ecco il Delta del Parnaiba, dopo questo viaggio, lo associo subito a loro, gli ibis rossi o scarlatti. Per raggiungerli non è facilissimo. Dalla cittadina di Parnaiba si continua il viaggio caricando la jeep su una zattera, si attraversano radure e angoli di giungla e finalmente si arriva al Delta del Rio Parnaiba, incastonato fra i due stati del Piauì e del Maranhão, l’unico nelle due Americhe a sfociare in mare aperto, il terzo delta oceanico più grande del pianeta. Cinque bracci, un’ottantina di isole fluviali, boschi e boschi di mangrovie dalle radici scoperte, migliaia di palme, iguane all’ombra dei cespugli, scimmie, qualche caimano: un vero labirinto di fiumi e canali che percorriamo su una lancia, sopra la testa un cielo interrotto solo dalle ali degli uccelli, dei caracara dal becco arancione, dei martin pescatori, degli urubù e pappagallini verdi. Un intrico di isole e canali il Delta del Rio Parnaiba. È mattina presto. Mentre dondolo sull’amaca fuori dalla mia stanza nella pousada, ascolto i suoni di questo luogo e mi preparo alla partenza. Si va in motoscafo alla scoperta del Rio Parnaiba, è simile a una mano aperta, le cui dita, cinque grandi isole contornate da almeno altre 70 più piccole, rappresentano una sorta di santuario ecologico . La lancia...
Visitare il Parque Nacional de Jericoacoara in Brasile

Visitare il Parque Nacional de Jericoacoara in Brasile

E dopo il post dedicato ai 300 km off road in 4×4 per arrivare da Fortaleza a Jericoacoara, ora vi parlo proprio di quest’ultima, cioè di Jericoacoara (o Jeri, come viene affettuosamente chiamata dai suoi frequentatori). Dichiarata dal Washington Post una delle dieci migliori spiagge del mondo e considerata dagli stessi brasiliani la migliore spiaggia del loro Paese, non posso che confermare l’unicità di questo posto. Fino a 20-30 anni fa era un idillio fatto di una natura pazzesca, con un villaggio isolato di pescatori, senza strade, senza elettricità, senza telefoni, senza televisori e forse anche senza denaro. Insomma una Jeri fatta solo di spiagge a perdita d’occhio, di acqua, di palme native e di sabbia dall’accecante color bianco. Una gemma che non poteva non attirare prima il turismo brasiliano, poi i primi viaggiatori avventurosi, poi piano piano la comunità internazionale. Eppure, nonostante sulla carta gli ingredienti per trasformare Jeri in bruttura stravolta dal turismo di massa ci siano tutti, oggi non ti accorgi quasi del cambiamento: sabbia ovunque, quattro incroci, in spiaggia per lo più turisti brasiliani, qui la vita sembra essere ancora “descanso” (riposo) e pura tranquillità, citando un Grignani d’annata pare la famosa destinazione paradiso. Dove godersi il mare, le dune, le lagune, l’esplorazione, la lontananza da tutto. La creazione nel 2002 del Parque Nacional de Jericoacoara (6.295 ettari di pura bellezza naturale), le restrizioni sui nuovi immobili, il divieto all’interno del parco di ogni forma di sfruttamento delle risorse naturali, la strada non asfaltata e tutta dossi che lo rende difficilmente accessibile, l’illuminazione delle strade ancora vietata dalla legge locale, il no all’asfalto e al traffico, hanno mantenuto...
In Brasile sulla Rota das Emoções: da Fortaleza a Jericoacoara in 4×4

In Brasile sulla Rota das Emoções: da Fortaleza a Jericoacoara in 4×4

Per arrivare in Brasile basta prendere un volo per Lisbona e poi da lì volare su Fortaleza: dalla capitale portoghese sono meno di 8 ore di volo. E a quel punto inizia uno dei viaggi più sorprendenti che si possano fare. Jericoacoara si trova circa a 300 Km circa da Fortaleza, con entrata per la CE 085, siamo nello stato di Ceará nella regione nordest del Brasile, inserito nel “Poligono da Seca”. Uno dei pochi luoghi del Brasile continentale dove è possibile vedere l’alba e il tramonto del sole nel mare, lo stesso vale per la luna. Fortaleza è solo la porta d’ingresso per la “Terra da Luz”, per i miei gusti una porta dal fascino troppo cosmopolita per una capitale equatoriale, un’infilata di hotel-grattacieli-centri commerciali sulla spiaggia senza particolari attrattive. Per noi è solo un punto di transito, forse meriterebbe più attenzione. Qui inizia la Rota das Emoções che arriva fino a São Luís, un nome non casuale e un unico punto fermo: armarsi di spirito di avventura perché i chilometri da percorrere saranno tanti, circa 1500, e quasi sempre si viaggerà off-road, niente strada, niente asfalto, niente comfort, i mezzi saranno nei casi migliori Jeep 4×4, camionette 4×4, lance a motore, dune buggy o quad, zattere, canoe e catamarano. Il bello è proprio questo. Preparatevi: la sabbia sarà per un po’ la vostra migliore amica. E il vento costante, e le havaianas ai piedi. E le emozioni. “Se guardi con attenzione, ti accorgi che la sabbia è ogni giorno in una posizione diversa. Dio ha creato queste montagne bianche e le ha date al vento perché ci giocasse per...
Il mio viaggio nel Nord Est del Brasile: pensieri a caldo

Il mio viaggio nel Nord Est del Brasile: pensieri a caldo

Si torna a casa dopo un viaggio, serve sempre tempo per metabolizzare e prendere le distanze necessarie, ma intanto quello che hai vissuto, percorso, amato sta già lavorando dentro, come un bagaglio virtuale che ogni esperienza forte ci fa guadagnare. Di quelli che non pesano, ma arricchiscono e basta. Sono tornata dal Nord-Est del Brasile, da un itinerario di sabbia e acqua da Fortaleza nello stato del Ceará a São Luís nello Stato del Maranhão. Niente di studiato, come un libro che all’improvviso puoi sfogliare e immergerti. E sì, la strada, mai come questa volta “wild” perché quasi tutta off road, su piste di sabbia, mi ha insegnato qualcosa. Prima di parlarvi di tutte le esperienze fuori dal comune che si possono vivere in questo angolo di mondo, faccio un passo indietro e riscrivo qui i pensieri a caldo che ho annotato lungo il viaggio. Hanno un loro perchè. Lezione nr.1: il vento sempre Qui nel Ceara’ la prima lezione che impari e’ una, sei tu e il vento. Costante, onnipresente, fortissimo. Il vento viene prima, entra ovunque, ti denuda, ti libera, spazza le tue energie, ti fa tornare all’essenziale. Il viaggio off road da Fortaleza a Jeri in 4×4 e’ iniziato lungo le autostrade su sabbia della costa. Km e km di spiagge deserte da percorrere, dove la bassa marea compatta la sabbia e il vento la tira su creando un effetto di polvere in movimento. Incrociamo km di oceano, di nulla, qualche buggy e villaggi di pescatori, poco altro. Curviamo quando arriva l’onda, saliamo sulle dune per evitare ostacoli, oltre il vento solo sabbia, oceano, cielo. L’orizzonte e la...
Pagina 1 di 11

Contact Us