Scalo aereo a Lisbona: cosa vedere in mezza giornata

Scalo aereo a Lisbona: cosa vedere in mezza giornata

A tutti i viaggiatori su tratte intercontinentali capita prima o poi uno scalo aereo più lungo del previsto in qualche capitale (europea e non), scelto magari per risparmiare sulla tratta aerea. Allora perché non approfittarne per vedere qualcosa in più e trasformarlo in una specie di viaggio nel viaggio oppure per rinfrescarsi le idee su qualche meta visitata in precedenza? Tutto dipende da quante ore di scalo avete in previsione, invece di vagabondare all’interno dell’aeroporto testando i campioni di profumo, passando in libreria, facendo shopping, ascoltando musica e camminando senza meta per far passare il tempo. Ma onestamente che noia e che ore interminabili! Gli scali lunghi in alcune città possono trasformarsi in brevi tappe di viaggio per godere della città in cui ci si ferma. Volando questa estate con TAP e avendo uno scalo di 7 ore a Lisbona, col bagaglio consegnato direttamente a destinazione (quindi a Lisbona eravamo liberi come l’aria, ma potete sempre lasciarli al deposito bagagli), ne abbiamo approfittato per uscire dall’aeroporto, prendere un taxi per farci portare in zona centrale, e calcolando 6 ore piene a disposizione questo è l’itinerario a piedi che ne è venuto fuori: ho pensato di inserirlo all’interno del blog per i lettori che dovessero trovarsi nella stessa situazione e volessero sfruttare l’opportunità di conoscere o rivedere in mezza giornata i punti salienti di questa città. Un itinerario a piedi di Lisbona che non ha nessuna pretesa di essere esaustivo, ma pratico e sintetico per darvi il benvenuto nel mondo degli stopover: Tappa 1: il Miradouro das Porta do Sol e il Miradouro de Santa Luzia Fatevi lasciare dal tassista...
Viaggiare in Brasile: la mia esperienza con Avventure nel Mondo

Viaggiare in Brasile: la mia esperienza con Avventure nel Mondo

Sono una viaggiatrice da 25 anni, quasi sempre indipendente, ma non disprezzo nessuna soluzione alternativa. Quando posso mi piace organizzare i miei itinerari da sola e farli su misura per la mia famiglia: così mi impegno a cercare informazioni, incastrare date, richiedere visti, prenotare voli, alberghi, mezzi di trasporto e transfer, trovare esperienze ed escursioni. Insomma sperimento il più possibile, anche se questo significa metterci tempo, impegno, responsabilità. Se mi avete seguito un pochino negli ultimi 3 anni, in questa mia avventura sul web, sapete che qui racconto esperienze positive e negative, con opinioni e foto personali, senza filtri e senza padroni, e non è mia abitudine lasciar spazio a polemiche,  specchietti per le allodole, ai post “son tutte rose e fiori” o alle grancasse per attirare lettori. Mi piace parlare solo delle mete che visito e di quello che realmente ho provato sulla mia pelle. Ho scelto di provare a viaggiare in Brasile con un gruppo di Avventure nel Mondo, e visto il grande interesse che spesso riscontro nei confronti di questo tour operator e delle sue proposte, ho pensato di mettere nero su bianco alcune riflessioni post-viaggio che magari possono essere utili a chi, come ho fatto io mesi fa, sta valutando qualche loro itinerario e magari vorrebbe capire meglio come funzionano le cose. Facendo un bilancio onesto di come è andata e riportandovi l’esperienza di chi solitamente viaggia in autonomia, ma questa estate ha scelto loro. Le carte in tavola erano diverse dal solito. Un impegno mi ha inchiodato fino alla fine di Luglio, non ho avuto tempo per nulla, viaggiavo sola e dovevo decidere in pochi giorni il da...
Pagina 1 di 11

Contact Us