Isole della Thailandia: le 3 anime di Koh Samui, Koh Phangan, Koh Tao

Tre isole della Thailandia sulla costa est, tre anime nettamente diverse, e tre amiche ai tempi dell’università alle prese con un lungo viaggio nella terra del Siam. Thai significa libero e la parola libertà credo sia la sintesi migliore per quel mese passato a gironzolare da Bangkok in giù. Dovevamo andare a nord. I nostri programmi erano cambiati per necessità, due ragazzi americani, col quotidiano alla mano e gigantografia in prima pagina delle alluvioni a Nord, ci convinsero a dirottare sul Sud e sulle isole. Oggi parliamo di quelle ad Est.

Isole che sono cambiate, non immaginatevi solo paradisi terrestri, sabbia borotalco, 4 capanne sulla spiaggia e una manciata di pescatori..per quello meglio andare altrove 🙂 Oggi la realtà è ben diversa. Sono mete turistiche in prima linea, location bellissime ma occidentalizzate e questo significa servizi, alberghi, i locali e discoteche. Anche se basta noleggiare un motorino, andare su strade meno battute, visitare qualche tempio, fermarsi a parlare con i locali per ritrovare lo spirito autentico di un paese tra i più affascinanti. Ma cerchiamo di capire in cosa si differenziano, qual è il loro stile, la loro anima.

Koh Samui Lamai

1. KOH SAMUI

Arriviamo al porto e contrattiamo il passaggio su un pick-up che ci carica coi nostri zainoni dietro, open air. Il nostro punto base sarà su una delle due spiagge migliori dell’isola, Chaweng.

L’anima di Koh Samui è più “Formentera style”, ci sono grandi resort, mare di giorno e aperitivi sulla spiaggia, baretti, gente, uno sproposito di negozietti specializzati in copie di grandi firme, mercatini, struscio serale. In una parola sola è movida. Ma non fermatevi qui, sarebbe un delitto. Alla guida di due motorini Honda con marce a pedale, pezzi d’annata, scopriamo in poco tempo un paesaggio collinare, stradine sterrate, giungla fitta, la cascata Nam Tok Na Muang proprio al centro dell’isola, un villaggio di pescatori e il tempio del Big Buddha coi suoi elefanti.

Questa Samui più autentica ci piace molto di più…peccato solo per un dettaglio, si decide che la mia amica debba imparare a guidare il motorino proprio quel giorno lì e dopo poca strada non aveva ancora ben presente come frenare, va dritta dritta nel vialetto d’ingresso di una discoteca, e si stampa su una delle statue che arredano il viale. Niente di grave per fortuna. Dai cespugli è uscito un thai sorridente (tutto dire sulla loro natura) con un mattone per raddrizzare la scocca anteriore! Motorino riconsegnato al buio la sera per camuffare il danno e fuga a gambe levate per paura che scoprissero che era tutto storto. Roba da ragazzi dai 🙂

La sera il momento migliore, per cena tutti i resort apparecchiano direttamente sulla spiaggia, tavolini e pesce fresco in bella mostra da scegliere e cucinare. Atmosfera rilassata, palmeti sulla testa, lanterne soft e sabbia nei piedi, fantastico. Il mare lo chiamano “mare di giada”, a parte alcune spiagge a Chaweng Noi, tra i massi granitici di Lamai, e nella piccola baia di Tongtakian, è un pò diverso dal classico immaginario caraibico…ha un colore verdastro dovuto alle microalghe e alle correnti perchè il reef intorno all’isola non è corallino, però molto calmo e senza onde.

Link utili: http://www.isoladikohsamui.it/

Koh Phangan

2. KOH PHANGAN

La nostra tappa successiva è Koh Phangan. Isola dall’anima Hippy, vita giovane e easy…ogni notte di luna piena si tiene un Full Moon Party, 20 anni che la tradizione va avanti e raduna persone da tutti i paesi, si ritrovano qui a ballare sulla spiaggia, bere e “fare baldoria” (un eufemismo) sulla Haad Rin beach. Partiamo da qui, musica a palla sempre Abba, Simon & Garfunkel, tutto molto Flower Power e gente che si aggirava tra un albero e l’altro…un amico commenta “fatti come zucchine”! avete capito il genere, no?

L’intera isola è bellissima, molto meno contaminata, più vicina all’idea di paradiso tropicale intatto, poche baie con piccoli resort appartati e tranquilli, solo ultimamente pare che siano comparsi resort più attrezzati. Ricoperta da una fitta foresta e puntellata di cascate. In realtà avrebbero meritato una visita anche il Wat Phu Kao Noi e altri tempi antichi, per non parlare del parco nazionale marino di Ang Thong lì vicino, ma per noi si avvicinava la fine del nostro mese thailandese e abbiamo preferito un po’ di beato relax.

Si sa che nei paradisi tropicali potresti fare un incontro ravvicinato con qualche sorpresa: due cose mi sono rimaste ben in mente. La prima sono i tanti tuffi in compagnia delle “pulci d’acqua”, entravi in acqua e iniziavi a sentire una marea di pizzicottini sulla pelle, sono piccolissimi insetti rompiballe. E poi, visto che non andavamo esattamente nei mega-resort 5* per contenere i costi, diciamo che spesso le condizioni igieniche erano un filino lontane dai nostri standard e potreste trovarvi, come è successo a me, un ragnone peloso nella turca del bagno o un simpatico geco addosso dentro al vestito!

Link utili: http://www.kohphangan.it/

Koh Tao panorama

3. KOH TAO

Chiudiamo in bellezza con la mia preferita, la piccola, l’isola tartaruga. Anima tranquilla, zero festaiola, e natura stupenda. Niente fighetti, niente hippy, paradiso dei divers, qualche ristorantino in spiaggia, cuscini per guardare il tramonto in santa pace e nulla più. Qui conta solo il mare e il suo azzurro, i coralli e i pesci, lo snorkeling e le immersioni, qui regna la pace. Siamo lontani dal caos, niente lusso, in mezzo a baie candide, massi lisci granitici e acqua trasparente. Più adatta alle famiglie con bambini e a chi non cerca diversivi.

Si raggiunge in giornata con due ore e mezzo di traghetto, ma vale lo sforzo. Poche strade, spesso sconnesse e simili a una vera trincea, mare e cielo cobalto, enormi massi scuri e un fogliame di sfondo verdissimo, natura allo stato puro. L’ultima giornata del viaggio prima del ritorno la passiamo qui, sulla lunga spiaggia di Sairee…e chi se la dimentica più! 🙂

Link utili: http://www.ko-tao.it/

Qui una gallery semiseria (più semi che seria) di vecchie foto scansionate … rigorosamente made in Thailand

Potrebbero interessarti anche...

12 Comments

  1. Madonnaaaaaaaaaaaa che flash, che ricordi, che tempi, che gente, che vita, che libertààààààààààààààààààààààààààààààààààààà. Grazie grazie grazie

    Reply
    • esatto, direi che la sintesi è perfetta e rende bene l’idea 🙂

      Reply
  2. Ti scopro con un post sulla Thailandia e devo dire…hai colto i 3 spiriti che oggi caratterizzano quei 3 fazzoletti di terra che emergono nel Golfo di Thailandia…

    Reply
    • grazie Andrea, e chissà tu quante ne sai al riguardo 🙂 io ho avuto la fortuna di andarci una sola volta…anche se la voglia di tornare non manca mai e la prossima sarà a nord!

      Reply
  3. Grande Monica, hai risvegliato il mio spirito d’avventura… anche se la prossima volta salterò la parte del ragnone peloso nella turca! Anche per me Koh Tao è stata un sogno. Ma una vacanza non riesce bene solo perché si visitano posti splendidi: ci vuole una splendida compagnia (Lariam permettendo!), e io ce l’avevo!

    Reply
    • eh, cara Fede, è cambiato un bel pò…una volta tanto dovremmo fare un colpo di testa e rifarci una vacanzina noi tre, sai che risate!

      Reply
  4. Ciao, oltre a queste mete che non metto in dubbio siano stupende, cercate di visitare anche il Nord della Thailandia: ti lascia un’emozione indescrivibile! 😀

    Reply
    • la mia prima scelta era il nord, poi per problemi di alluvione non siamo potute andare. Vorrà dire che dovrò tornare, e magari nella stagione giusta 🙂 grazie Lisa

      Reply
  5. Ottime informazioni, utili e concise che esprimono al meglio il carattere di ogni isola, difficile a volte da trasmettere a chi si aspetta qui uno scenario uguale ai Caraibi (e credimi in tanti partono convinti di trovare spiagge bianche e mare turchese ovunque, senza documentarsi meglio). In realtà l’Asia non mi ispira molto, ma sarei curiosa di mettere a confronto questi luoghi e le isole Andamane…un giorno chissà 😉 Buoni Viaggi Monica

    Reply
    • Ciao Monica, sono passati parecchi annetti dai miei due viaggi in Asia (Thailandia e Indonesia) e credo oggi alcuni luoghi siano inevitabilmente trasformati dal turismo…le Andamane incuriosiscono anche me, non le conosco e ho l’impressione siano ancora molto più autentiche. Me le immagino così, poca luce, poca traccia umana, grandi spiagge, altissima vegetazione e l’azzurro del mare. Come dici tu un giorno chissà (anche se il mio prossimo viaggio sarà proprio lì vicino, sccccccc)

      Reply
  6. Ciao cara potresti consigliarmi un posto di mare per viaggiare con due bimbi di 3 e 5 anni?
    Posto d mare,per stare un mesetto
    Grazie e complimenti 👏

    Reply

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contact Us